fbpx

Circa admin

Sono un fotografo professionista ed ho maturato la mia esperienza negli anni come photo-reporter freelance e ho avuto l'occasione di lavorare all'estero, ho una formazione e una esperienza completa dalla fotografia alla grafica e dalla progettazione web e allo sviluppo video. Il mio studio oltre alla fotografia si occupa di reportage, video produzione, progettazione web e grafica. Ho un team di collaboratori con cui porto avanti lo studio, sono docente di fotografia e di grafica.

Gabriel Garcìa Màrquez

2019-07-08T09:08:58+01:00Progetti|

ESPRESSIONI DI GABRIEL GRACIA MARQUEZ Catalogo di 60 pagine a colori all'interno 20 opere pubblicate di Franco Azzinari. Azzinari conosce per la prima volta il celebre scrittore G. Garcìa Màrquez nel 2005. Gli fu presentato dal leader maximo Fidel Castro. L'artista aveva già letto diversi suoi romanzi ed era stato fortemente attratto dal geniale modo di scrivere e raccontare il suo "realismo magico". Lo incontra poi spesso nel Nuevo Cine Latinoamericano, all'Avana, insieme ad Alquimia Pena, direttrice della Fondazione. Azzinari, attratto dalla forte personalità e dal grande carisma del Premio Nobel, decide di dedicargli un ritratto e gliene fa un gradito omaggio. Nel dicembre 2010, sempre a Cuba, Marquez, mentre osserva con curiosità e ammirazione le varie pubblicazioni del Pittore, nasce l'idea di organizzare insieme una mostra con venti ritratti dello Scrittore. Evento inaugurato il 10 dicembre 2011. Sulla mostra, Rai1, Rai2 e Rai3 dedicano ampi servizi, a cura di Pino Nano. Il Corriere della Sera pubblica una recensione di Nuccio Ordine. La notizia è diffusa in tutto il mondo dall'Agenzia giornalistica Ansa. Azzinari "è l'artista che riesce a carpire il linguaggio della natura, a sentire le voci nascoste che il vento libera nell'assordante silenzio delle distese di grano e di erbe selvatiche..." Gabriel Garcìa Màrquez La ripetizione e la differenza - Nuccio Ordine [...]

Fidel Castro

2019-07-08T09:42:32+01:00Progetti|

EL ROSTRO DE LA HISTORIA Franco Azzinari e Fidel Castro Catalogo pagine 75 presentato durante la mostra "El Rostro de la Historia" Casa del Alba Cultural de la Habana - Cuba Dedica Fidel Castro a Franco Azzinari Franco Azzinari incontra per la prima volta Fidel Castro il 6 novembre 2000 nell'Avenida de los Presidentes a l'Avana, durante le celebrazioni per l'erezione di una statua dedicata al Presidente messicano Benito Juárez. Il Maestro è in compagnia di Miguel Barnet che, in qualità di deputato del governo cubano, gli fa superare tutti i controlli di polizia. "L'emozione è stata grande - racconta Azzinari -. Il Comandante mi salutò molto cordialmente e io gli dissi che ero innamorato del suo paese e gli spiegai il lavoro che stavo facendo su Cuba. Lui mi fece capire che era già informato di tutto". Nel maggio del 2001 il ministro della cultura Avel Prieto telefona ad Azzinari per dirgli che Fidel Castro voleva invitarlo a cena: "Quella sera eravamo in sette, tra cui Miguel Barnet, Avel Prieto e Carlo Lager. La cena è iniziata alle 10.00 ed è finita alle 4.00 del mattino. Mi ricordo che dopo due ore Fidel, sempre vestito con la mimetica militare, si è assentato per circa quindici minuti per andare a fare un po' di ginnastica e al suo ritorno ho notato [...]

Cuba

2019-01-25T22:17:32+01:00Progetti|

CUBA Incontro con il Leader Maximo Fidel Castro Franco Azzinari e Fidel Castro L'incontro con Cuba risale a gennaio del 1992. Azzinari con due amici galleristi sono a Miami per una fiera d'arte e decidono, via Cancun, di imbarcarsi per l'Havana. La città è magica e trasmette loro una gran voglia di vivere. Azzinari rimane affascinato dal paesaggio unico, assoluto. La curiosità è tale che si spingono fino a Camaguey. Il Pittore ha l'impressione di essere tornato indietro nel tempo, a quando era bambino. Gli riaffiorano nella mente immagini che aveva già visto. E' molto colpito dai vecchi, dalla rugosità dei loro volti (testimoni della vita) e dal modo in cui, molto serenamente, lavorano i campi, con la forza delle loro braccia. Azzinari se ne innamora a prima vista, si ripromette di ritornarci con la tavolozza e i colori per raccontare sulla tela quei luoghi di magia, dalla natura intatta e incontaminata, con il sole che bacia la frutta e la rende sensuale. Da allora il pittore del vento ha realizzato circa 200 opere, disegnando e dipingendo tutto ciò che lo ha maggiormente colpito: l'uomo e la natura. Ritrae Alejandro Robaina, Compay Segundo, e il lider maximo: Fidel Castro. La casa editrice Electa pubblica un volume con testi critici di Gianni Minà, Miguel Barnet, Sergio Zavoli, Carilda Oliver Labra e Raffaele De Grada. La mostra, [...]

Cercando Hemingway

2019-01-25T22:59:41+01:00Progetti|

CERCANDO HEMINGHWAY Il progetto "Cercando Hemingway" nasce nel 2000 durante una visita a Cojimar dove Azzinari incontra Gregorio Fuentes, amico e compagno di avventura del celebre scrittore. Dai vari racconti di Gregorio, capitano del Pilar, Azzinari si innamora della vita di Hemingway, inizia a ritrarre altri pescatori (Osvaldo e Pedro) e dipinge i bellissimi paesaggi cubani amati e vissuti dal Premio Nobel della Letteratura. Nel Dicembre 2008, l'Università della Calabria dedica al Maestro Azzinari un'esposizione delle prime quaranta opere e pubblica il catalogo della mostra con un testo critico di Fernanda Pivano. Il 10 Dicembre 2010 si inaugura la mostra di 20 opere dedicate allo scrittore americano, nella Torre Bianca del Museo Hemingway - Finca Vigia - all'Havana. Nel Settembre 2011, Azzinari e l'amico Michelangelo La Luna, docente di Italiano all'University di Rhode Island, si recano nel Montana a trovare Patrick Hemingway, figlio dello scrittore. Un incontro molto caloroso e cordiale. Patrick con la sua signora invitano Azzinari e La Luna a fare un safari con il loro fuoristrada allo Yellowstone Park: una meravigliosa oasi di bellezza naturale e faunistica. I bisonti e le alci catturano l'attenzione e l'ammirazione di Azzinari che si ripropone di ritornarci, anche per rivedere i suoi amici Patrick e signora. A Cuba da Ernest Hemingway - Fernanda Pivano Fernanda Pivano e Franco Azzinari alla libreria Feltrinelli. [...]

I luoghi del mito

2019-02-27T10:51:24+01:00Progetti|

I LUOGHI DEL MITO Tutti si chiedono: "Dove sono nati gli eroi, in quali paesaggi hanno vissuto i guerrieri della Mitologia greca e gli Dei dell'Olimpo"? Azzinari si è recato in quei luoghi magici e ha dipinto la "Baia di Ulisse" ad Itaca, "La Baia di Poseidone" a Capo Sounio, il sito dove morì Teseo nell'Isola di Sciro, "Lo specchio di Narciso" nell'Isola di Delos. In Sicilia dipinge "Le Gole di Alcantara"; in Calabria, "Il Dono degli Dei", "L'ulivo, la pianta cara alla Dea Athena"; in Macedonia, "Il Deserto fiorito" in omaggio ad Alessandro il Grande. Il Ministero dei Beni Culturali e Librari di Roma ha organizzato l'evento " I Luoghi del Mito" nelle sale della Biblioteca Nazionale, pubblicando il catalogo delle opere a cura di Claudio Strinati. La stessa mostra viene promossa dal Comune di Rimini e allestita nelle Sale delle Colonne, con la presentazione in catalogo di Sergio Zavoli. Luciano De Crescenzo Franco Azzinari e Luciano De Crescenzo Luciano De Crescenzo posa per Azzinari, nello sfondo la modella Claudia Ricci. Ho scritto dei miti dell'amore, della guerra, degli dei e degli eroi. Voi vi chiederete, ma dove si sono svolte quelle azioni, quali paesaggi hanno ospitato quelle incredibili, affascinanti vicende? Franco Azzinari vi aiuterà ad entrare nel magico mondo dei miti. Anzi, [...]